Menu Principale
Chi e' online
 39 visitatori online
Inno Nikday e spot Nikday 2014
Login Form



Sondaggi
La solidarieta' e' ...
 
Amministratore
Statistiche
OS : Linux v
PHP : 5.5.9-1ubuntu4.23
MySQL : 5.5.59-0ubuntu0.14.04.1
Ora : 16:52
Caching : Disattivato
GZIP : Disattivato
Utenti : 15
Contenuti : 318
Link web : 80
Tot. visite contenuti : 685769
La gentilezza non ha nazionalità
Scritto da Alessandro   
Mercoledì 19 Agosto 2009 14:41

Tatiana, la zia di Nika, ha scritto questa lettera aiutata da una signora ucraina.

 Non possiamo fare a meno di condividerla con tutti voi!


       Peter Polyanetsky felicemente sorridendo, non ha potuto
nascondere la gioiosa eccitazione - ha nato il suo primo bambino. Lui
con amore e gratitudine guardò la moglie, georgiana Maisuradze Natiya.
Ha anche lei sentito molto felice madre in tutto il mondo.
       Ma il giorno dopo comunicata la triste notizia: il ragazzo è nato
con una grave malattia di cuore. La vita del bambino è stata
costantemente sotto la minaccia di morte. La prima operazione per il
suo cuore è stata fatta, quando aveva un mese e mezzo, il secondo - ad
un anno e mezzo.
       Nika è cresciuto un ragazzo allegro e gentile. La sua malattia non
ha dato possibilita di giocare con gli amici al calcio e gli altri giochi.
      Quando i suoi coetanei hanno fatto una domanda a lui:
      - Perche tu ti sei fermato, Nika? Corri con noi!
      Il ragazzo sorrise ma con la malinconia:
      - Non posso correre, ragazzi. Nel mio cuore le batterie sono gia
          scariche.
      In sette anni vi è stato un vitale bisogno di fare un'altra operazione
al cuore. In più vicino ospedale nella capitale armena Yerevan hano
rifiutato di fare intervento a Nika, un intervento chirurgico. La speranza
per la futura vita del ragazzo dopo l'operazione è molto piccola. In
America fanno analoghe оperazioni per 150 mila dollari, ed in Italia -
per 75 mila euro.
La famiglia e povera, non ha soldi. La nonna di Nika, lo zio e la zia
sono venuti in Italia per lavorare, ma i familiari non sono riusciti a
raggiungere la cifra richiesta per intervento del nipote Nika. Tutto, chè
cosa e stato lasciato, solo alla speranza in Dio. Giorno e notte tutti
parenti ed amici del ragazzo georgiano dagli occhi azzurri sincero
preghiera chiede a Dio di conservare la sua vita.
       Tre volte hanno inviato una lettera ad un programma televisivo
italiano "Treno dei desideri". Loro avevano sperato, che il buon cuore di
Antonella poteva aiutare        Nika a fare il intervento qratis in Italia.
Purtroppo, la lettera perso tra le migliaia di altri desideri. La risposta
non è mai arivata.
     “Per favore, di salvate la vita del nostro bambino!” - i familiari di
Nika hanno contattato tante persone.
     Ho sentito questa richiesta un semplice autista italiano Massimo
Viti, che vive a Pozzale, frazione della città Empoli.
          Io faro di tutto per aiutare il vostro bambino, - ha detto lui аi
       -
          parenti di Nika.
Un sincero desiderio di fare delle cose buone Dio sempre sostiene le
grande potenzialità.
       Attraverso Internet Massimo ha esortato tutti i chirurghi italiani,
spicializzati interventi sul cuore, per aiutare il ragazzo georgiano
sopravvivere .
Presto per la sua e-mail è una lettera.
       Cardio Chirurqo Pediatro Dr.Bruno Murzi ha scritto:
“Il nostro ospedale del cuore – Massa Fondazione Toscana
G.Monasterio si dichiara disponibile ad accoqliere il piccolo Nika per
l'intervento chirurqico previsto. Il riqovero del bambino e previsto per
Marzo 2009 e la durata sara prevedibilmente di 2-3 mesi s.c.”
       La speranza, l'amore e la bontà si sono fuse in una festa di gioia e
di avvicinare le persone di diverse nazionalità: italiani, georgiani,
ucraini, polacchi - tutti, che vogliano, che Nika viva una vita lunga e
felice. Si è vero, che la gentilezza non ha nazionalità.
       Massimo Viti ho pagato viaggi in aereo dalla Georgia a Milano e
come un caro amico ho incontrato Nika ed i suoi genitori in aeroporto.
La famiglia di Massimo per un periodo di tre mesi a condiviso
preoccupazioni e gioie con i parenti di Nika, dando loro ospitalita nella
sua casa.
         Massimo e i suoi amici, tutti i partecipanti ai circolo Arci,
hanno organizzato una festa per Nika al Pozzale. Tante persone Il suo
amore guarite il cuore del ragazzo, ed il denaro raccolto per la festa sono
stati trasferiti in ospedale.
         Nella chiesa del Pozzale i residenti hanno pregato per la salute
del ragazzo georgiano. Anche loro hanno dato i soldi per aiutare Nika.
    L'intervento durato 11 ore sul cuore di Nika. Tutto questo momento
a suscitato preoccupazione per il futuro del ragazzo ha commentato il
dolore nel cuore non solo la sua famiglia, ma anche nei cuori di molti
italiani.
         Alla fine dell intervento il chirurgo Luigi stanco è venuto dai
genitori di Nika e ha detto, che il intervento e riuscito bene. Nei
presenti si sono formate lacrime di gioia negli occhi .
     Dalle labbre tremanti ed emozionate dei famiqliari, sono mancate
parole giuste per rinqraziare tutte le persone, che hanno dato una mano
alla famiqlia per questo dificile periodo. Quando si parla di cuore, le
parole sono in silenzio.
    Il tempo corre veloce nel aure gentilezza. Tre mesi sono passati.
Nika si sentiva molto bene nella terra di soleggiata d Italia, ma venuto
il momento dell addio.
Con le lacrime agli occhi Franco, padre di Massimo Viti, ha detto:
          Nika, non dimenticarti di noi, tornerai presto, mio caro nipote!
     -
       Il ragazzo ha pianto e abbracciato Franco. Lui voleva bene alla
famiglia di Massimo e ai suoi molti amici e non voleva andare via.
       Attraverso le lacrime, lui ha detto:
- Non dimenticherò mai voi. Io voglio tanto bene a te, nonno Franco.
Nel suo 8 anni Nika, naturalmente, ancora non può stimare il reqalo più
prezioso per lui, perché cordiale italiani hanno presentato per lui la sua
futura nuova vita. Ma la lezione di solidarieta puo fare i buoni miracoli,
questo si ricorderà per sempre.

Share/Save/Bookmark
 
Nik-day 2009: la resa dei conti!
Scritto da Alessandro   
Giovedì 18 Giugno 2009 21:30

Carissimi AmicidiNik e non solo!

ieri ci siamo messi a fare un po' di conti ed è saltata fuori questa cifra: 4.100 euro!

Il risultato non è solo frutto del Nik-day come si può ben immaginare, dobbiamo aggiungerci il frutto di numerose iniziative che nell'anno si sono susseguite non solo da parte nostra, ma da parte di tanti altri amici che in alcuni casi hanno fatto donazioni per eventi familiari e in altri casi per ricorrenze varie.
Fanno parte della cifra anche gli "incassi" del caffè e degli ulteriori libri che abbiamo venduto dopo la festa.
Per correttezza dobbiamo evidenziare che 80 euro dei 4.100 ci sono stati offerti per l'acquisto dell'ambulanza di cui abbiamo fatto presente la necessità.
Sono pochi e lo sappiamo ma intanto verranno messi nel salvadanaio a Cumura, vero fra Memo e suor Valeria?

Che dire? Ringraziamo tutti per il bellissimo risultato raggiunto!

Un abbraccio forte da
Alessandro, Paola e Niccolò

Share/Save/Bookmark
Ultimo aggiornamento Sabato 12 Marzo 2011 09:58
 
Preghiera giunta per e-mail da suor Valeria
Scritto da Alessandro   
Martedì 07 Aprile 2009 09:48
Carissimi, anch'io sono vicina. Arrivata in Italia, e non é stato  
facile, mi sento particolarmente vicina. Mi unisco a voi per Nika e  
prego per tutti voi in questa settimana Santa.
Insieme ricordiamo i nostri fratelli terremotati.
Mi trovo a Roma nella culla che mi ha visto nascere come consacrata e  
formata per essere missionaria. Sto bene. Presto arriverò alla Ginestra.
Un abbraccio fraterno e Pace e Bene!
Buona Pasqua.

Suor Valeria
Share/Save/Bookmark
 
<< Inizio < Prec. 31 32 33 34 35 36 Succ. > Fine >>

Pagina 33 di 36

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information